SORA – Macchine di lusso messe in commercio come ‘usate’, scoperta maxi-frode fiscale

Una maxi-frode fiscale è stata scoperta dai finanzieri della tenenza di Sora nell’ambito di una lunga indagine nella quale i militari hanno concentrato la loro attenzione su 5 imprese specializzate nella compravendita di autovetture di lusso – Ferrari, Porsche – che, una volta fatte arrivare in Italia, venivano immatricolate come veicoli di seconda mano allo scopo di eludere i versamenti dell’IVA, evasa per circa 10 milioni – ed intestate a cittadini residenti all’estero. In questo modo gli acquirenti delle succitate macchine potevano pagarle meno rispetto al loro reale valore di mercato: da qui la fattispecie di una situazione di concorrenza sleale e l’individuazione di un considerevole quantitativo, 45 milioni – di ricavi non dichiarati al fisco. Nei guai 16 persone, deferite a vario titolo.

Potrebbero interessarti anche...